I TRULLI E LA VALLE D’ITRIA

N ella provincia di Brindisi pietre e costruzioni narrano le origini di questa terra che La via Appia e la via Traiana collegavano la città pugliese con Roma. Vie che hanno lasciato la loro impronta sul percorso delle strade moderne che oggi ne seguono il tracciato. La città, in cui morì Virgilio, ospita i resti di due colonne del II secolo a. C., che segnavano il termine della via Appia.

<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />

L’impronta dei Normanni, Svevi e Angioini è riscontrabile anche nelle zone interne della provincia in quella che fu la terra dei Messapi, mentre diviene più evidente nei castelli di Mesagne, Oria e Ceglie Messapica.

In questa zona, accanto al paesaggio urbano, è di rilievo quello modellato dalla natura, con le gravine e le grotte scavate nei secoli dal labor lime dei fiumi. Nei dintorni di Ostuni si trovano le testimonianze rupestri della civiltà dei monaci basiliani. Mentre le torri di avvistamento presenti lungo il litorale a nord di Brindisi testimoniano la paura per le incursioni di pirati e saraceni. Sullo stesso tratto costiero è possibile visitare la zona archeologica di Egnazia un’antica città romana.