COSTIERA JONICA E MURGIA TARANTINA

N ella civiltà rupestre e nella cultura greca antica si identificano e manifestano le radici di Taranto e della sua provincia. In questa zona della Puglia meridionale le civiltà si svilupparono in mirabile modo, grazie alla conformazione del territorio, che un tempo era (doveva essere stato) ricco d’acqua e molto fertile, tanto da attirare l’interesse dei coloni greci che nel 706 a.C. e fondarono Taranto.

<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />
<br class=”cactus_br” />

La presenza di corsi d’acqua, oggi sotterranei, è testimoniata dalle numerose grotte e insenature prodotte dall’erosione e che furono la sede ideale per lo sviluppo della civiltà rupestre, presente un po’ in tutta la regione, ma che nel tarantino raggiunse forme mirabili. Oggi la provincia ha un aspetto più aspro nella parte interna, mentre fondali sabbiosi e mare cristallino caratterizzano l’area del Golfo di Taranto.

Delle antiche civiltà resta ancora visibile il fascino di scenari favolosi immersi nella bellezza di questo territorio naturale.